martedì 17 giugno 2008

CASSINELLI (PDL): MILITARI PER LA SICUREZZA ANCHE A GENOVA

Il deputato ligure chiede al sindaco Vincenzi di "mettere da parte le ragioni della lotta politica" e di concentrarsi "sulla richiesta di sicurezza che arriva dalla popolazione". L'invio dei militari nelle città metropolitane va bene, anche e soprattutto a Genova. "Ottimo" il piano del prefetto Cancellieri.

"La sicurezza dei cittadini è una priorità per tutti. Per questo l'utilizzo dei militari per fronteggiare una situazione di emergenza, con le Forze dell'Ordine in carenza d'organico, rappresenta una scelta del governo saggia e tempestiva". Commenta così il deputato ligure Roberto Cassinelli (PDL), la decisione del governo di disporre l'utilizzo dei soldati nell'attività di presidio del territorio per motivi di ordine pubblico. "Condivido le ragioni del Ministro della Difesa - aggiunge Cassinelli - e non capisco le posizioni di alcuni sindaci di città metropolitane come Chiamparino a Torino e Vincenzi a Genova, che criticano invece di apprezzare la decisione del governo". La riflessione di Cassinelli si spinge anche in chiave politica. "Evidentemente, commenta il deputato ligure, i sindaci dell'opposizione hanno completamente perso di vista la richiesta di sicurezza che arriva dai cittadini e, pur di osteggiare le decisioni del governo di centrodestra, vanno contro l'interesse collettivo". Per questo Cassinelli lancia un appello ai sindaci delle città metropolitane, prima tra tutti il sindaco di Genova, affinché "mettano da parte le ragioni della lotta politica e si concentrino sulle esigenza di tutela che arriva dalla popolazione. I militari a sostegno della sicurezza vanno bene. Anche a Genova, specie in quelle periferie abbandonate al proprio destino e lasciate nelle mani di cosche di delinquenti, e nel centro storico, dove i residenti sono continuamente e pesantemente spaventati dai continui traffici di prostituzione, spaccio e criminalità". Il deputato del PDL definisce "ottimo" il piano annunciato dal Prefetto Cancellieri "che – conclude Cassinelli – vuole intervenire proprio in quelle zone oggi maggiormente a rischio: Sampierdarena e il centro storico, con più controlli anche al porto".

Nessun commento: